Col·lectiu Emma - Explaining Catalonia

Wednesday, 18 june 2014 | ANSAmed

Italiano

Ministro economia Catalogna, politica Madrid ci affossa (ANSAmed)

Anche imprenditori Barcellona sostengono divorzio da Spagna
17 GIUGNO, 18:01
ANSAmed


(dell'inviata Elisa Pinna).

(ANSAmed) - Barcellona, 17 GIU - "L'andamento economico della Catalogna sarebbe migliore se la regione fosse indipendente dal governo centrale di Madrid". Se ne dice convinto il ministro dell'Economia e della Formazione della Generalitat de Catalunya (il governo locale) Andreu Mas-Colell, in un'intervista con un gruppo di giornalisti stranieri. Mas-Colell è uno degli economisti più stimati nel mondo occidentale, tanto che per lui si è parlato più volte di una candidatura al premio Nobel. Nel suo ufficio che si affaccia sulla confusione della picaresca Rambla a Barcellona, il ministro spiega che ''la regione avrebbe maggiori opportunità di crescita, in caso di completa autonomia". l modello di governo centralizzato di Madrid - osserva - non funziona più nel mercato globale ed è "un peso che affonda l'economia spagnola, oltre che la nostra".

Non è una questione di trasferimenti di soldi dalle casse della Catalogna a quelle della capitale spagnola, ma di "identità e autogoverno", precisa il ministro. Certo, il problema delle tasse non è irrilevante. La Catalogna, pur non essendo la regione più ricca della Spagna (in ordine è la quarta dopo Paesi Baschi, Navarra e provincia di Madrid), è costretta a trasferire circa l'8 per cento del suo prodotto interno lordo nella capitale spagnola; le tasse raccolte da Barcellona ammontano ad oltre il 19% delle entrate totali dell'erario del Regno, ma dallo stato spagnolo la Catalogna riceve solo il 14% delle intere spese, una percentuale inferiore persino al peso della sua popolazione che conta per il 16-17% della Spagna. "Noi abbiamo dovuto abbassare del 7% gli stipendi degli impiegati della Municipalitat (insegnanti compresi). A Madrid nulla di questo è avvenuto". Ma anche se, per assurdo, il governo centrale decidesse di dimezzare al 4% del Pil il carico fiscale della Catalogna, secondo il ministro non basterebbe. "Noi non abbiamo potere, non possiamo fare nulla senza il consenso del governo centrale", afferma Mas-Colell, citando non solo la politica economica, ma anche quella delle infrastrutture e dell'Istruzione. Mas-Coell non teme che il processo di indipendenza dalla Spagna, su cui la popolazione catalana è chiama a pronunciarsi in una consultazione prevista per il 9 novembre, possa spaventare le grandi multinazionali straniere (circa 5200) presenti in Catalogna. "Rispetteremo tutti gli accordi economici, si tratterà di una fase lunga e negoziata e al momento non vedo nessuna ripercussione sugli investimenti esteri". Nessuna paura nemmeno di un'espulsione di una futura nazione catalana dalla Ue. "Siamo europeisti convinti e ci fidiamo più di Bruxelles che di Madrid". Molti grandi imprenditori catalani sembrano pensarla esattamente come lui. "Pericolo di un futuro di incertezze? Per noi la certezza attuale è che le cose oggi non vanno bene", afferma German Ramon-Cortes, presidente della fondazione sociale 'La Predera'. "Le decisioni economiche prese a Madrid erano e sono sbagliate. Non si rendono conto delle necessità delle imprese.

Hanno un approccio ancorato al novecento", osserva Carles Sumarroca, vicepresidente del gruppo Comsa Emte, un colosso delle infrastrutture. "Noi imprenditori - continua - abbiamo bisogno di una politica che sostenga le esportazioni, l'innovazione".

Barcellona si sente proiettata nel futuro. "Il nazionalismo è quello della Spagna. In realtà il movimento per l'indipendenza della Catalagna è anti-nazionalista, ha radici post-moderne", spiega Fernando Rodes, vice presidente di Havas, il quinto gruppo di comunicazioni più importante al mondo. Spagna e Catalogna, ricorda, sono state per secoli due realtà separate: "oggi votiamo per partiti diversi, vediamo programmi televisivi diversi, persino l'edizione del Pais della Catalogna non è la stessa di quella diffusa nel resto della Spagna". "Forse è il momento del divorzio, ma come in ogni separazione civile, negozieremo tutto e, probabilmente, continueremo a condividere il giardino e tante altre cose ancora", conclude. (ANSAmed).


Very bad Bad Good Very good Excellent
carregant Loading




Lectures 1945 visits   Send post Send


Col·lectiu Emma - Explaining Catalonia

Il Collettivo Emma è una rete di Catalani e non, che vivono in paesi diversi e che si dedicano a monitorare e rispondere alle notizie che compaiono nei media internazionali sulla Catalogna . 
Il nostro scopo è che l'opinione pubblica del mondo abbia un'immagine fedele della realtà attuale del Paese e della sua storia.

L'obiettivo è di essere riconosciuti come una fonte affidabile di informazioni e di idee sulla Catalogna, da un punto di vista catalano.
[More info]

quadre Traductor


quadre Newsletter

If you wish to receive our headlines by email, please subscribe.

E-mail

 
legal terms
In accordance with Law 34/2002, dated 11 July, regarding information services and electronic commerce and Law 15/1999, dated 13 December, regarding the protection of personal data, we inform you that if you don’t wish to receive our newsletter anymore, you can unsubscribe from our database by filling out this form:









quadre Hosted by

      Xarxa Digital Catalana

Col·lectiu Emma - Explaining Catalonia