Col·lectiu Emma - Explaining Catalonia

Saturday, 25 march 2017 | RAI News

Italiano

Spagna, Artur Mas condannato per il referendum di indipendenza della Catalogna

L'ex presidente della Regione autonoma catalana è stato interdetto per due anni dalle cariche pubbliche 



RAI NEWS
 
 
13 marzo 2017
 
Due anni di interdizione dai pubblici uffici: è la condanna inflitta all'ex presidente della Catalogna, Artur Mas, per aver promosso nel 2014 il referendum per l'indipendenza da Madrid della Regione Autonoma spagnola. L'ex governatore dovrà anche pagare per un anno una multa di 100 euro al giorno. 
 
Mas è stato riconosciuto colpevole di disobbedienza civile. Con lui sono stati condannati anche la ex vicepresidente Joana Ortega e la ex ministra catalana Irene Rigau, rispettivamente a 21 e a 18 mesi di interdizione.  
 
Il divieto della Corte costituzionale di Madrid
 
La procura aveva chiesto 10 anni di interdizione per Mas e 9 per Ortega e Rigau. I tre dirigenti secessionisti erano stati incriminati l'anno scorso per 'disobbedienza' per avere promosso il 9 novembre 2014 un referendum consultivo nonostante il divieto della Corte Costituzionale di Madrid. La difesa ha invece sostenuto che sia lui sia gli altri imputati hanno solamente esercitato il loro diritto alla libertà di opinione. L'inizio del processo, ai primi di febbraio, aveva visto le proteste di piazza dei sostenitori Mas.
 
Puigdemont: la sentenza è un errore
 
L'attuale presidente della Catalogna, Carles Puigdemont, ha definito la sentenza un "errore", sottolineando la "differenza" con la situazione in Scozia, dove la primo ministro Sturgeon ha annunciato oggi un nuovo referendum secessionista. "Che differenza con le democrazie consolidate e sane", ha postato sul proprio profilo di Twitter con le foto di entrambe le notizie.
 
La sinistra catalana: sentenza indegna  
 
In una prima reazione il partito della sinistra catalana Erc che fa parte del governo di Puigdemont, successore dal 2015 di Mas, ha definito la sentenza "indegna e antidemocratica", decisa al termine di un "processo politico". Puigdemont ha scritto di recente a Onu e Consiglio d'Europa denunciando la "persecuzione giudiziaria" di Madrid contro i dirigenti indipendentisti.
 
L'ipotesi nuovo referendum secessionista
 
I partiti indipendentisti che hanno la maggioranza assoluta nel parlamento di Barcellona e appoggiano il presidente catalano Carles Puigdemont, successore di Mas dalla fine del 2015, prevedono di convocare un referendum vincolante sulla indipendenza entro la fine di settembre nonostante l'opposizione granitica del premier spagnolo Mariano Rajoy, che non esclude misure coercitive per impedirlo. Secondo gli ultimi sondaggi il 'si e il 'no' all'indipendenza sono per ora in "pareggio" in seno alla popolazione catalana.
 
 


Very bad Bad Good Very good Excellent (1 vòte)
carregant Loading




Lectures 510 visits   Send post Send


Col·lectiu Emma - Explaining Catalonia

Il Collettivo Emma è una rete di Catalani e non, che vivono in paesi diversi e che si dedicano a monitorare e rispondere alle notizie che compaiono nei media internazionali sulla Catalogna . 
Il nostro scopo è che l'opinione pubblica del mondo abbia un'immagine fedele della realtà attuale del Paese e della sua storia.

L'obiettivo è di essere riconosciuti come una fonte affidabile di informazioni e di idee sulla Catalogna, da un punto di vista catalano.
[More info]

quadre Traductor


quadre Newsletter

If you wish to receive our headlines by email, please subscribe.

E-mail

 
legal terms
In accordance with Law 34/2002, dated 11 July, regarding information services and electronic commerce and Law 15/1999, dated 13 December, regarding the protection of personal data, we inform you that if you don’t wish to receive our newsletter anymore, you can unsubscribe from our database by filling out this form:









quadre Hosted by

      Xarxa Digital Catalana

Col·lectiu Emma - Explaining Catalonia