Col·lectiu Emma - Explaining Catalonia

Saturday, 28 november 2015 | CORRIERE DELLO SPORT

Italiano

Barcellona-Uefa, la sfida continua: ecco la situazione


CORRIERE DELLO SPORT
 
27-11-2015.-
 
FILIPPO TESTINI
 
“Catalonia is not Spain”. Un grido di rivendicazione, una speranza per molti catalani (non per tutti, va detto) e uno slogan che, come capita spesso, è entrato sempre di più nel mondo calcistico. I tifosi del Barcellona, in primis, da tempo sostengono la tesi dell’indipendenza dalla monarchia centrale spagnola e anche in occasione della sfida contro la Roma in Champions League lo hanno sottolineato. Al momento dell’ingresso in campo delle due squadre, infatti, buona parte dello stadio ha fischiato in segno di disappunto l’inno della massima competizione europea, esponendo, al tempo stesso, molte bandiere della Catalogna.
 
I MOTIVI – La contestazione dei tifosi del Barcellona alla Uefa, però, ha radici lontane. Tutto nasce dalla finale di Champions League giocata e vinta dai blaugrana lo scorso 6 giugno a Berlino contro la Juventus. In quell’occasione, infatti, i sostenitori Cules hanno esposto diverse bandiere della Catalogna sulle tribune dell’Olympiastadion. L’episodio non è passato inosservato, tanto da spingere l’Uefa a sanzione il Barcellona con una multa di ben 30 mila euro. Appresa la notizia i sostenitori dei blaugrana non hanno reagito bene, colorando il Camp Nou con ancora più bandiere catalane in occasione della sfida di Champions League con il Bayer Leverkusen del 29 settembre 2015. La sfida tra i tifosi del club e l’Uefa, quindi, sembra essere solo all’inizio.
 
LA SITUAZIONE – Spostando gli occhi dal campo alle sale dirigenziali, Josep Bartomeu, numero uno del Barcellona, ha difeso i propri tifosi nel corso dell’assemblea dei soci del club: «Le bandiere della Catalogna non sono vietate e non portano alla violenza, rappresentano tanti nostri sostenitori e non solo». Sul fronte politico, intanto, il Governo centrale di Madrid continua la sua lotta contro la rivalsa indipendentista della regione. La Corte costituzionale, infatti, ha deciso all'unanimità di sospendere in forma cautelare la mozione con la quale il Parlamento di Barcellona aveva dichiarato aperto il processo verso l'indipendenza.
 
SCENARI FUTURI – In caso di una scissione della Catalogna dalla Spagna, obiettivo degli indipendentisti da ottenere entro 18 mesi, tutte le squadre facenti parte della regione rimarrebbero fuori dalla Liga. Sull’argomento è stato diretto Javier Tebas, presidente della Liga spagnola, che ha dichiarato: «Il diritto sportivo è molto chiaro: le uniche squadre non spagnole ammesse sono quelle di Andorra». Barcellona ed Espanyol su tutte, quindi, dovrebbero rinunciare alla competizione che da anni le vede protagoniste.




Very bad Bad Good Very good Excellent
carregant Loading




Lectures 2406 visits   Send post Send


Col·lectiu Emma - Explaining Catalonia

Il Collettivo Emma è una rete di Catalani e non, che vivono in paesi diversi e che si dedicano a monitorare e rispondere alle notizie che compaiono nei media internazionali sulla Catalogna . 
Il nostro scopo è che l'opinione pubblica del mondo abbia un'immagine fedele della realtà attuale del Paese e della sua storia.

L'obiettivo è di essere riconosciuti come una fonte affidabile di informazioni e di idee sulla Catalogna, da un punto di vista catalano.
[More info]

quadre Traductor


quadre Newsletter

If you wish to receive our headlines by email, please subscribe.

E-mail

 
legal terms
In accordance with Law 34/2002, dated 11 July, regarding information services and electronic commerce and Law 15/1999, dated 13 December, regarding the protection of personal data, we inform you that if you don’t wish to receive our newsletter anymore, you can unsubscribe from our database by filling out this form:








quadre Hosted by

      Xarxa Digital Catalana

Col·lectiu Emma - Explaining Catalonia